Indice Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p 2

Indice Nota Introduttiva Alle Indicazioni Nazionali P 2-Free PDF

  • Date:14 Jan 2021
  • Views:3
  • Downloads:0
  • Pages:54
  • Size:346.49 KB

Share Pdf : Indice Nota Introduttiva Alle Indicazioni Nazionali P 2

Download and Preview : Indice Nota Introduttiva Alle Indicazioni Nazionali P 2


Report CopyRight/DMCA Form For : Indice Nota Introduttiva Alle Indicazioni Nazionali P 2


Transcription:

Nota introduttiva alle, Indicazioni nazionali riguardanti gli obiettivi specifici di apprendimento. Le Indicazioni nazionali degli obiettivi specifici di apprendimento per i licei rappresentano la. declinazione disciplinare del Profilo educativo culturale e professionale dello studente a. conclusione dei percorsi liceali Il Profilo e le Indicazioni costituiscono dunque l intelaiatura. sulla quale le istituzioni scolastiche disegnano il proprio Piano dell offerta formativa i docenti. costruiscono i propri percorsi didattici e gli studenti raggiungono gli obiettivi di apprendimento. e maturano le competenze proprie dell istruzione liceale e delle sue articolazioni. Il percorso, La redazione della prima bozza stata il frutto di un lavoro svolto da un gruppo tecnico. coordinato da Max Bruschi e formato da Sergio Belardinelli Giorgio Bolondi Paolo Ferratini. Gisella Lang Andrea Ragazzini Luca Serianni Elena Ugolini e Nicola Vittorio che ha coinvolto. nella stesura delle Indicazioni personalit del mondo accademico della cultura e della scuola. Successivamente la bozza stata sottoposta oltre che al parere del Consiglio Nazionale della. Pubblica Istruzione a una vasta consultazione attraverso la quale sono stati raccolti pareri e. suggerimenti di associazioni professionali e disciplinari esperti accademici sindacati. insegnanti i Forum dei genitori e degli studenti e la pubblica opinione Strumenti della. consultazione sono stati il sito nuovilicei it dove le Indicazioni sono state sottoposte per un. mese a un libero dibattito uno specifico questionario inviato a una pluralit di soggetti. associativi e al Coordinamento nazionale delle conferenze dei Presidi di Facolt gli uffici. scolastici regionali e molte istituzioni scolastiche sono altres intervenuti offrendo il loro. contributo Tutti i pareri sono stati valutati dalla Commissione costituita dal Ministro. dell Istruzione dell Universit e della Ricerca on Mariastella Gelmini che ha integrato il. gruppo tecnico con Carlo Maria Bertoni Emanuele Beschi Giovanni Biondi Marco Bussetti. Giorgio Chiosso Mario Giacomo Dutto Elio Franzini Giorgio Israel Silvia Kanizsa Nicoletta. Maraschio Elisabetta Mughini Antonio Paolucci Alessandro Schiesaro cui stato demandato il. compito di procedere alla redazione definitiva, Le Indicazioni nazionali e l assolvimento dell obbligo di istruzione. Si scelto di orientare la stesura delle Indicazioni secondo un modello scevro da tecnicismi. inutili e accessibile all intera comunit scolastica Per ogni disciplina sono state redatte delle. linee generali che comprendono una descrizione delle competenze attese alla fine del percorso. seguono gli obiettivi specifici di apprendimento articolati per nuclei disciplinari relativi a ciascun. biennio e al quinto anno La scelta di evidenziare all interno delle linee generali di ogni. disciplina le competenze attese e di redigere obiettivi specifici di apprendimento in cui fossero. uniti tutti gli aspetti che entrano in gioco nell acquisizione di quelle competenze si colloca in. continuit con le Indicazioni per il curricolo del primo ciclo attualmente in vigore. Tali obiettivi assumono ampiamente alla fine del primo biennio di ciascun liceo quanto. attualmente richiesto ai fini dell assolvimento dell obbligo di istruzione1. I contenuti degli Assi culturali previsti dall allegato al relativo Decreto ministeriale infatti. rappresentano un opportuno tentativo di verticalizzazione del curriculum di studi. comprendendo peraltro anche conoscenze e abilit gi da raggiungere al termine del primo. ciclo di istruzione2 secondo le relative Indicazioni vigenti finalizzato al raggiungimento di uno. zoccolo di saperi e competenze comune ai percorsi liceali tecnici e professionali e ai percorsi. dell istruzione e dell istruzione e formazione professionale Uno zoccolo comune dunque da. integrare e declinare a seconda delle specificit dei percorsi Fermo restando quanto definito. dalla norma primaria in ordine all elevamento dell obbligo sia pure nell ambito del pi ampio. assolvimento del diritto all istruzione e alla formazione per almeno dodici anni o comunque. sino al conseguimento di una qualifica entro il diciottesimo anno di et 3 occorre sottolineare. che si tratta di un provvedimento da aggiornare nei suoi allegati al termine della revisione. degli ordinamenti scolastici4 e delle relative Indicazioni. E stato nel contempo compiuto un decisivo passo verso il superamento della tradizionale. configurazione a canne d organo del secondo ciclo dell istruzione attraverso un puntuale. raccordo con le Linee guida dell Istruzione tecnica e professionale che ha portato. all individuazione di alcune discipline cardine la lingua e letteratura italiana la lingua e cultura. straniera la matematica la storia le scienze e di alcuni nuclei comuni relativi soprattutto. Decreto 22 Agosto 2007 n 139 Regolamento recante norme in materia di adempimento dell obbligo di istruzione. ai sensi dell articolo 1 comma 622 della legge 27 dicembre 2006 n 296 e articolo 2 comma 4 del Regolamento dei. licei Il primo biennio finalizzato all iniziale approfondimento e sviluppo delle conoscenze e delle abilit e a una. prima maturazione delle competenze caratterizzanti le singole articolazioni del sistema liceale di cui all articolo 3. nonch all assolvimento dell obbligo di istruzione di cui al regolamento adottato con decreto del Ministro della pubblica. istruzione 22 agosto 2007 n 139 Le finalit del primo biennio volte a garantire il raggiungimento di una soglia. equivalente di conoscenze abilit e competenze al termine dell obbligo di istruzione nell intero sistema formativo nella. salvaguardia dell identit di ogni specifico percorso sono perseguite anche attraverso la verifica e l eventuale. integrazione delle conoscenze abilit e competenze raggiunte al termine del primo ciclo di istruzione utilizzando le. modalit di cui all articolo 10 comma 4 del presente regolamento. Solo per fare alcuni esempi relativi all asse dei linguaggi Comprendere i punti principali di messaggi e annunci. semplici e chiari su argomenti di interesse personale quotidiano sociale o professionale lingua straniera o l uso dei. dizionari o il comprendere il messaggio contenuto in un testo orale sono obiettivi che devono essere raggiunti gi alla. fine del primo ciclo di istruzione,Legge 28 marzo 2003 n 53 n 53 articolo 2 comma c. Cos il parere espresso dal Consiglio Nazionale della Pubblica Istruzione nella sua adunanza del 26 giugno 2007. avente all ordine del giorno Parere sullo schema di regolamento concernente l elevamento dell obbligo di istruzione. articolo 1 comma 622 della legge n 296 06 che cita i chiarimenti addotti dal Vice Ministro on Mariangela Bastico. che prima nell audizione del 5 giugno u s e successivamente con una nota a sua firma ha precisato che il. regolamento adottato in via transitoria e che i percorsi di studio non subiscono in questa fase alcun mutamento n. negli ordinamenti n nei curricoli, ma non solo al primo biennio che pur nella doverosa diversit di impostazione collegata allo.
statuto dei diversi percorsi trovano punti di identit e contatto al fine di garantire il. raggiungimento di alcune conoscenze e competenze comuni anche al fine di fornire a tutti gli. strumenti culturali utili a esercitare la propria cittadinanza ad accedere all istruzione superiore. a poter continuare ad apprendere lungo l intero arco della propria vita e di favorire l eventuale. riorientamento e passaggio da un percorso all altro ai fini della lotta alla dispersione scolastica. e del successo formativo Passaggio che non mai da considerarsi scontato nella positivit dei. suoi esiti e che sarebbe errato impostare su facili automatismi destinati ad essere smentiti. dalla realt ma che risulta effettivamente possibile attraverso l individuazione di nuclei comuni. di conoscenze e competenze da riutilizzare e arricchire nel nuovo percorso intrapreso. Il rapporto tra il Profilo educativo culturale e professionale dello studente e le. Indicazioni nazionali, Le Indicazioni nazionali sono state calibrate tenendo conto delle strategie suggerite nelle sedi. europee ai fini della costruzione della societ della conoscenza dei quadri di riferimento delle. indagini nazionali e internazionali e dei loro risultati5 stabilendo di volta in volta le possibili. connessioni interdisciplinari elencando i nuclei fondamentali di ciascuna disciplina e cercando. di intervenire sulle lacune denunciate dalle rilevazioni sugli apprendimenti nonch dalle. rilevazioni sulle conoscenze in ingresso delle matricole compiute dalle universit e sui livelli. attesi in ingresso dalle istituzioni dell Alta formazione artistica musicale e coreutica AFAM. Proprio a quest ultimo aspetto stata dedicata una particolare cura anche attraverso il. coinvolgimento delle conferenze dei Presidi delle facolt e di personalit del mondo accademico. e culturale considerato che lo sbocco naturale anche se non esclusivo di uno studente liceale. proprio negli studi superiori e che il raggiungimento di una solida base di conoscenze e. competenze di l dal valore legale del titolo di studio requisito indispensabile non solo per. raggiungere le competenze chiave di cittadinanza ma per avere la possibilit effettiva di. proseguire proficuamente il proprio percorso di istruzione. Detta scelta del resto era stata compiuta gi nel Profilo educativo culturale e professionale. dello studente allegato A al Regolamento dei licei che costituisce l ideale e imprescindibile. preambolo alle presenti Indicazioni ed in cui sono recepite pienamente le Raccomandazioni di. Lisbona per l apprendimento permanente e il Regolamento sull obbligo di istruzione Il Profilo. chiama innanzitutto in causa il concorso e la piena valorizzazione di tutti gli aspetti del lavoro. scolastico lo studio delle discipline in una prospettiva sistematica storica e critica la pratica. dei metodi di indagine propri dei diversi ambiti disciplinari l esercizio di lettura analisi. traduzione di testi letterari filosofici storici scientifici saggistici e di interpretazione di opere. Si tratta delle rilevazioni OCSE PISA competenze in lettura matematica e scienze per i quindicenni IEA TIMSS. ADVANCED matematica e scienze all ultimo anno delle superiori INVALSI prova nazionale di italiano e di. matematica nell esame di stato al termine del primo ciclo rilevazioni degli apprendimenti in italiano e matematica in II. e V primaria, d arte l uso costante del laboratorio per l insegnamento delle discipline scientifiche la pratica. dell argomentazione e del confronto la cura di una modalit espositiva scritta ed orale. corretta pertinente efficace e personale l uso degli strumenti multimediali a supporto dello. studio e della ricerca Si tratta di aspetti puntualmente richiamati nel testo delle Indicazioni. che sottolineano innovandoli i capisaldi della tradizione degli studi liceali. Il Profilo indica inoltre i risultati di apprendimento comuni all istruzione liceale divisi nelle. cinque aree metodologica6 logico argomentativa7 linguistica e comunicativa8 storico. umanistica9 scientifica matematica e tecnologica10 e infine descrive i risultati peculiari a. Aver acquisito un metodo di studio autonomo e flessibile che consenta di condurre ricerche e approfondimenti. personali e di continuare in modo efficace i successivi studi superiori naturale prosecuzione dei percorsi liceali e di. potersi aggiornare lungo l intero arco della propria vita Essere consapevoli della diversit dei metodi utilizzati dai vari. ambiti disciplinari ed essere in grado valutare i criteri di affidabilit dei risultati in essi raggiunti Saper compiere le. necessarie interconnessioni tra i metodi e i contenuti delle singole discipline. Saper sostenere una propria tesi e saper ascoltare e valutare criticamente le argomentazioni altrui Acquisire. l abitudine a ragionare con rigore logico ad identificare i problemi e a individuare possibili soluzioni Essere in grado di. leggere e interpretare criticamente i contenuti delle diverse forme di comunicazione. Padroneggiare pienamente la lingua italiana e in particolare dominare la scrittura in tutti i suoi aspetti da quelli. elementari ortografia e morfologia a quelli pi avanzati sintassi complessa precisione e ricchezza del lessico anche. letterario e specialistico modulando tali competenze a seconda dei diversi contesti e scopi comunicativi saper. leggere e comprendere testi complessi di diversa natura cogliendo le implicazioni e le sfumature di significato proprie. di ciascuno di essi in rapporto con la tipologia e il relativo contesto storico e culturale curare l esposizione orale e. saperla adeguare ai diversi contesti Aver acquisito in una lingua straniera moderna strutture modalit e competenze. comunicative corrispondenti almeno al Livello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento Saper riconoscere i. molteplici rapporti e stabilire raffronti tra la lingua italiana e altre lingue moderne e antiche Saper utilizzare le. tecnologie dell informazione e della comunicazione per studiare fare ricerca comunicare. Conoscere i presupposti culturali e la natura delle istituzioni politiche giuridiche sociali ed economiche con. riferimento particolare all Italia e all Europa e comprendere i diritti e i doveri che caratterizzano l essere cittadini. Conoscere con riferimento agli avvenimenti ai contesti geografici e ai personaggi pi importanti la storia d Italia. inserita nel contesto europeo e internazionale dall antichit sino ai giorni nostri Utilizzare metodi prospettiva. spaziale relazioni uomo ambiente sintesi regionale concetti territorio regione localizzazione scala diffusione. 1 LICEO SCIENTIFICO Indice Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p 2 Profilo educativo culturale e professionale dello studente liceale p 10 Piano degli studi p

Related Books